Dubbi da
sciogliere

 

Le nostre FAQ

Domande frequenti e risposte puntuali per aiutarvi

Quanto dura la terapia?

Dipende dal tipo di patologia e dalla gravità della lesione; ogni individuo è diverso dall’altro per cui verrà sviluppato, assieme al paziente e alla famiglia, un progetto terapeutico in cui verranno stabiliti degli obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Generalmente, per esiti di alterazioni cerebrali acquisite, dopo un periodo di 6 mesi si può fare un follow-up valutativo per verificare l’andamento riabilitativo e monitorare il raggiungimento degli obiettivi preposti.

Sono previsti contatti con altre figure esterne ad Epsilon?

Il nostro metodo prevede il coinvolgimento di tutta la rete che sta intorno alla singola persona e alla sua famiglia. Per esempio, con bambini e ragazzi che hanno difficoltà scolastiche o disturbi dell’apprendimento creiamo una sinergia con gli insegnanti in modo da impostare una direzione di lavoro condivisa e, quindi, più efficace.

Quanto costa la terapia?

La tariffa varia in base al tipo di terapia e al numero di professionisti coinvolti. Nelle situazioni in cui sono coinvolti più professionisti, le tariffe individuali vengono adattate in modo da andare incontro alle famiglie.

I singoli professionisti effettuano anche sedute a domicilio?

Sì. Nelle situazioni in cui ci sia impossibilità a recarsi allo studio o dove sia previsto un lavoro sul potenziamento delle autonomie, ci spostiamo al domicilio del paziente. Tuttavia, ci sono situazioni in cui la terapia risulta più efficace se svolta in studio, ma questo viene valutato per ogni situazione specifica.

Come si svolge il primo incontro?

Facciamo un primo colloquio in équipe a cui partecipano i professionisti potenzialmente coinvolti nel caso e il paziente con i familiari o i caregivers. Raccogliamo la documentazione clinica necessaria alla comprensione della situazione specifica, ascoltiamo il racconto della persona, le sue richieste e aspettative. Dopo un breve confronto tra professionisti, condividiamo il progetto con il paziente e la famiglia.

INVIA I TUOI QUESITI